.
Annunci online

 
fareverdecagliari 
Blog del Nucleo di Fare Verde della Provincia di Cagliari
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Fare Verde - Sito Nazionale
Simone Spiga Blog
Comitato per Pirri
Bruno Murgia
Acque Sociali
Ignazio Artizzu
Fronte Verde
  cerca

 

 

Presidente Provinciale

Simone Spiga

 

Referente Quartu Sant'Elena

Michele Pisano

 

Referente Quartucciu

Lorenzo Cireddu













 


 


 

Diario | Parcheggi Via Manzoni | Iniziative Nazionali | No al termovalorizzatore di Ottana (NU) | Referendum Regionale contro il nucleare in Sardegna |
 
Iniziative Nazionali
1visite.

15 ottobre 2009

NO AL NUCLEARE": RACCOLTE 2MILA FIRME IN PIAZZA MONUMENTO A TERMOLI

Termoli. Ha raccolto 2mila firme, nome pi&ugrave; nome meno, la petizione in piazza Monumento contro il nucleare organizzata dall&rsquo;associazione &quot;La citt&agrave; dei bambini&quot; in collaborazione con &quot;Fare Verde&quot; e &quot;Il bene comune&quot;. Sono state tante, anche ieri, domenica 11 ottobre, le persone che si sono fermate per apporre la propria firma alla petizione. Forte di slogan e di materiale informativo, i ragazzi promotori dell&rsquo;iniziativa, guidati dal blogger Antonio Fasciano, hanno spiegato ai cittadini le problematiche legate alla possibile installazione di una centrale nucleare, non solo in Molise, ma su tutto il territorio italiano. Dal canto loro, i promotori hanno invece battuto molto sull&rsquo;aspetto legato alle fonti di energia rinnovabili, mentre per &quot;scoraggiare&quot; i fautori di un ritorno al nucleare sono stati mostrati dei video sul disastro di Chernobyl e dei messaggi da parte del fisico nucleare Mattioli. La raccolta di firme in tutta Italia andr&agrave; avanti sino all&rsquo;otto novembre, data simbolo della lotta al nucleare, perch&egrave; in quel giorno, nel 1987, l&rsquo;Italia vot&ograve; un referendum esprimendo piena contrariet&agrave; a questo tipo di energia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. FARE VERDE TERMOLI NO AL NUCLEARE

permalink | inviato da fareverdecagliari il 15/10/2009 alle 15:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 settembre 2009

Nucleare: la Merkel dice no a nuovi impianti in Germania

I conservatori tedeschi non sono a favore di nuovi impianti nucleari: lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel (Cdu) durante una conferenza stampa in corso a Berlino. "Noi lo abbiamo messo per iscritto, non vogliamo nuovi impianti nucleari", ha sottolineato la Merkel rispondendo a una domanda su questo tema.

7 febbraio 2008

Il Fronte Identitario aderisce alla manifestazione di Fare Verde a Cagliari

 L’Associazione Culturale “Fronte Identitario” aderisce alla mobilitazione indetta da Fare Verde per domani mattina dalle ore 11,00 sotto il Palazzo del Comune di Cagliari in Via Roma per chiedere l’immediato inizio della raccolta differenziata a Cagliari.

“Crediamo nella necessità di sostenere questa richiesta di Fare Verde anche perché non c’è più tempo da perdere, il Decreto Ronchi è chiaro è il Comune di Cagliari non può ancora aspettare”, afferma nella nota l’Associazione.

“Insieme a Fare Verde distribuiremo gratuitamente le buste da mezzo chilo di compost per spiegare ai cittadini l’importanza della raccolta differenziata”, prosegue la nota

“L’appuntamento per tutti i cittadini è dalle 11.00 alle 13.00 sotto il Comune di Cagliari in Via Roma per contribuire a questa manifestazione di civiltà per tutti i cagliaritani”, conclude la nota del Fronte Identitario.

26 ottobre 2007

Meno rifiuti in città, più qualità in campagna. Compost gratis per tutti, da provare con le piante in giardino o sul balcone di casa

 


Fare Verde anche in Sardegna nei giorni 27 e 28 ottobre distribuirà gratuitamente sacchetti di compost, il terriccio organico derivante dal recupero dei rifiuti organici, da usare per le piante in giardino o sul balcone.
Questa iniziativa dal titolo: “meno rifiuti in città, più qualità in campagna”, è promossa per dimostrare quanto sia facile ottenere dai rifiuti terra fertile, che si prefigge di promuovere una tecnica già nota al tempo dei nostri nonni, che però, a causa di un'arrestabile corsa tecnologia, è stata sostituita dall'uso sempre più indiscriminato di fertilizzanti e concimi chimici, i quali, già dannosi per la salute umana, contribuiscono all'inquinamento atmosferico e all'alterazione dell'intero ecosistema naturale.
Negli ultimi anni, grazie ad una graduale rieducazione e al diffondersi della raccolta differenziata, sono stati fatti notevoli passi avanti, ed ora, grazie alla tecnica del compostaggio, oltre a plastica, carta e alluminio, anche il resto dei rifiuti, meglio noti come frazione umida, uniti al terreno e a quello che viene definito "scarto verde", potranno essere riutilizzati come fertilizzanti, dando vita così ad un nuovo ciclo biologico.
Il 35% dei rifiuti che produciamo è infatti composto da materiali organici: scarti di verdure, fondi di caffè, avanzi di alimenti, sfalci di giardini e potature e scarti dei mercati ortofrutticoli. Questo enorme quantitativo di materiali umidi può essere sottratto alla discarica e trasformarsi in ammendante organico, una sostanza ricca di nutrimento per qualsiasi terreno.
Ad oggi, in Italia, solo 1.825 Comuni su 8.101 (il 22,5 %), hanno avviato (molti ancora in forma sperimentale) la raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti.
Separare e recuperare questa parte dei rifiuti è l'unico modo per restituire il nutrimento sottratto alla terra con l'attività agricola ed evitare i problemi ambientali provocati dal loro avvio in discarica.
In Sardegna la distribuzione del compost avverrà a Cagliari il 27 e il 28 ottobre, presso il Centro della Cultura Contadina in Via S. Alenixedda, 2 dalle 10.30 alle 13,00 e dalle 17.00 alle 19.30.
A Sant’Andrea Frius nei due giorni presso l’Azienda Agricola Sa Fogaia.
A Ussana solo nella giornata di Sabato 27 ottobre presso la Piazza Pertini
A Sinnai solo nella giornata di Sabato 27 ottobre presso la Piazza Sant’Isidoro
A Pula sono nella giornata di Sabato 27 ottobre presso la Piazza del Popolo.

Alla manifestazione hanno aderito la Coldiretti Sardegna e l'Oipa, Organizzazione Internazionale Protezione Animali.

Per ulteriori informazioni, per dare un aiuto all'ambiente e soprattutto a voi stessi, date uno sguardo al sito www.fareverdecagliari.tk.

20 settembre 2007

27/28 Ottobre 2007: Meno rifiuti in città, più qualità in campagna


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fare Verde Compost

permalink | inviato da fareverdecagliari il 20/9/2007 alle 0:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 giugno 2007

AZIONE GIOVANI: SCONCERTO E STUPORE PER LE RECENTI DISPOSIZIONI SUGLI OGM!

 Nei giorni scorsi il Consiglio Europeo ha deciso di accettare una soglia di tolleranza OGM per i prodotti biologici, a tal proposito alcuni Dirigenti Nazionale di Azione Giovani, il movimento giovanile di Alleanza Nazionale, hanno diramato la seguente nota con alcune dichiarazioni congiunte.

“Apprendiamo con stupore e sgomento – dichiara Alessandro Amorese (Massa), Componente dell’Esecutivo Nazionale di AG – la decisione presa da parte del Consiglio Europeo. Non è tollerabile accettare nessuna soglia di contaminazione per una produzione come quella biologica, la cui peculiarità è proprio l’estraneità a forma di contaminazioni di qualsiasi tipo”.

“E’ un duro attacco – aggiunge Daniele Caroleo (Crotone), Dirigente Nazionale di AG – per una nazione come la nostra che risulta essere leader internazionale per la produzione agricola e biologica. Tutto questo avrà certamente una ripercussione negativa sui consumatori. Il Governo italiano deve intervenire immediatamente prendendo misure drastiche contro questa decisione.”.

“Auspichiamo – conclude Simone Spiga (Cagliari), Dirigente Nazionale di AG – che, sopratutto dopo le ultime dichiarazioni espresse dalle organizzazioni agricole, dal mondo del volontariato e dell’associazionismo, il Ministro e le istituzioni preposte non decidano di subire passivamente tale, assurdità. Riteniamo, quella contro gli OGM, una battaglia fortemente identitaria, e ci batteremo con tutte le nostre forze affinché venga al più presto stabilita la cosiddetta “tolleranza zero” in merito.”.

6 novembre 2006

Convocazione assemblea nazionale straordinaria di Fare Verde

Il Presidente Nazionale Fabrizio Vincenti di Fare Verde dopo anni di impegno e soprattutto dopo l'immane sforzo fatto dalla prematura scomparsa di Paolo Colli ad oggi, deve lasciare l'incarico per motivi personali. Così, mentre tutti speriamo che Fabrizio possa trovare le giuste forme per continuare a dare alla nostra comunità il suo prezioso contributo di idee, proposte e competenze, il Direttivo Nazionale di Fare Verde ONLUS, in base all'art. 9 dello Statuto associativo, convoca una assemblea straordinaria degli iscritti per il rinnovo della carica di Presidente Nazionale sabato 25 e domenica 26 novembre 2006 a Cave (Roma), presso il Convento di San Carlo Borromeo.

Vista l'importanza del momento, tutti gli iscritti, resposabili e attivisti sono chiamati a partecipare: sarà una occasione per scambiarci idee e informazioni, proporre e discutere nuove iniziative, fare il punto sulle molte attività in corso e, perché no, conoscersi o riabbracciarsi.
I due giorni di assemblea saranno organizzati con il solito stile di Fare Verde: in un convento del Centro Italia, con cucina autogestita.


Per ulteriori informazioni
Fare Verde - sede nazionale di Roma
Telefono: 06 700 5726 dalle ore 18:00 alle 20:00 dal lunedì al venerdì
email: info@fareverde.it
Fax 06 700 5726




permalink | inviato da il 6/11/2006 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

25 ottobre 2005

Presentazione della Campagna Nazionale “Meno rifiuti in città, più qualità in campagna”

Il 29 e 30 Ottobre Fare Verde scende in piazza e ti regala ½ chilo di compost




Il Coordinamento Regionale dell’'Associazione Ambientalista FARE VERDE ha promosso una conferenza stampa per Giovedì 27 Ottobre alle ore 11.00 presso il Centro della Cultura Contadina (Villa Muscas), a Cagliari in Via S. Alenixedda 2, per presentare la Campagna Nazionale “Meno rifiuti in città, più qualità in campagna”.
Iniziativa promossa con la collaborazione del Ministro delle Politiche Agricole, Gianni Alemanno, della Scuola Agraria di Monza e della Coldiretti.
La Campagna avrà il via il prossimo 29/ 30 Ottobre in tutta Italia con la distribuzione gratuita di compost ottenuto dalla raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti.
Alla conferenza stampa è prevista la partecipazione dell’On. Matteo Sanna, Consigliere Regionale di Alleanza Nazionale, dei Responsabili Regionali di Fare Verde Simone Spiga e Daniele Piu, dei Responsabili locali dell’associazione per Nuoro, Quartu Sant’Elena, Olbia, Pula e Gavoi, oltre all’Assessore Comunale all’Ambiente di Pula, Lino Rascunà, promotore di una campagna cittadina sull’argomento.




permalink | inviato da il 25/10/2005 alle 17:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 settembre 2005

ROMA: COLDIRETTI, NEL WEEK-END LA CAMPAGNA VIENE IN CITTA'

Roma, 28 set - Le aziende associate alla Coldiretti saranno presenti al festival della campagna che si svolge il prossimo week end al parco di Villa Celimontana a Roma dove cittadini e turisti potranno conoscere i sapori della tradizione agroalimentare, la cultura e il folclore. Dalla mattina al tramonto saranno aperti centinaia di colorati stand dei prodotti tipici e biologici dove acquistare direttamente dalle aziende agricole produttrici all'insegna della qualita' e della genuinita'. Sara' allestita anche una ricca esposizione con vendita di prodotti dell'artigianato e sono in programma spettacoli musicali ed eventi culturali all'insegna della riscoperta delle tradizioni agricole. L'obiettivo dell'iniziativa - promossa dall'Azienda Romana Mercati - e' di favorire un rapporto piu' diretto tra chi produce e chi acquista per rispondere alla domanda di conoscenza dei consumatori sui metodi di produzione, le caratteristiche qualitative e sanitarie dei prodotti alimentari che ogni giorno giungono sulle tavole.




permalink | inviato da il 28/9/2005 alle 10:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 settembre 2005

Avellino: Fare Verde ribadisce il proprio appoggio al compost di qualità

Nel mese scorso grande clamore ha suscitato l’annuncio di una possibile realizzazione di un impianto di compostaggio nel Comune di San Mango, a ridosso dell’area industriale di Luogosano, in provincia di Avellino.
Fare Verde, per mezzo del presidente provinciale Pasquale Petruzzo, ha preso una netta posizione in difesa degli impianti di compostaggio di qualità.
in una nota resa pubblica inq uesti giorni si legge come " Fare Verde si impegnata per far sì che nella nostra provincia possa diventare realtà quello che noi associazioni ambientaliste andiamo predicando da tempo, ossia “chiudere il cerchio”. Più volte, e da ultimo le “Domeniche ecologiche” del Comune di Avellino, siamo scesi in piazza facendoci promotori di come utilizzare e realizzare il compost, distribuendo gratuitamente sacchetti da ½ kg con relativo opuscolo informativo. Ho sentito il dovere di spendere delle parole a favore dell’impianto per diversi motivi e pertanto, attrezzato di macchina fotografica, ho effettuato un sopralluogo sull’area dove dovrebbe sorgere l’impianto. Ebbene, mi sono imbattuto prima nell’area industriale di Luogosano, ove in questi gg è frenetica l’attività della ZUEGG, poi in numerosi capannoni abbandonati, e in ultimo in un area dove era in forte attività un depuratore emenante un pesantissimo puzzo (… è normale??? Questo lo chiediamo agli organi preposti).
Uno dei principali motivi per cui viene fortemente contestata la realizzazione dell’impianto di compostaggio nell’area di San Mango sarebbe il potenziale danno ambientale e quindi economico che lo stesso arrecherebbe alla produzione vitivinicola della zona, famose per il Taurasi DOCG, ebbene da diverse ricerche effettuate risulta che una provincia come quella Senese, nota come la nostra Irpinia per la vocazione vitivinicola, ha sul proprio territorio tre impianti compostaggio (due di prossima realizzazione), due discariche attive, e un impianto di termoutilizzazione. Ciò per dire che l’allarmismo relativo all’impianto di compostaggio è infondato.
Se tenuta separata dal resto dei rifiuti ("secchi", riciclabili o no), la materia organica può diventare la materia prima del semplicissimo processo di compostaggio che, in alcuni mesi, trasforma un chilo di scarti umidi in quattro etti di "compost" (il 60% è acqua che evapora), cioè una specie di humus che, come la torba, ha un forte valore agronomico, di arricchimento del terreno.
il compostaggio può avvenire:
a) a scala domestica, con un piccolo cumulo nell'angolo dell'orto, del giardino o dentro un contenitore chiamato "composter";
b) in piccole aie di compostaggio comunali, sul terreno nudo, con un'entrata di 1-2 tonnellate al giorno: ogni cittadino ne produce circa 2 etti, quindi una tonnellata equivale all'organico di circa 5.000 abitanti;
c) oppure in impianti di tipo industriale, della potenzialità di 10-100 tonnellate al giorno, in capannoni chiusi, con serpentine di areazione per accelerare il processo di "maturazione" del compost, in depressione per non far uscire eventuali odori sgradevoli, e con la depurazione dell'aria attraverso "bio-filtri" di cortecce e compost maturo.
Il compost da raccolta differenziata ha un elevato valore agronomico e può essere utilizzato per le coltivazioni più pregiate: floricoltura, vivaismo, giardinaggio, come apportatore di sostanze organiche umificate (humus) essenziali per conferire al terreno adeguate caratteristiche strutturali (consistenza, porosità) e nutrizionali.
L’appello che Fare Verde Avellino rivolge agli amministratori è di acconsentire alla realizzazione dell’impianto; preoccuparsi che il tipo di compost prodotto sia un compost di qualità; aderire al CIC (Consorzio Italiano Compostatori è in Italia l’Organizzazione dedicata alla ricerca e alla promozione della buona pratica del compostaggio e per l’uso dei prodotti compostati); adoperarsi affinchè il compost prodotto possa essere utilizzato in agricoltura soprattutto per i Comuni del circondario, evitando così ai terreni a cui e' destinato il compost, di ricevere la buona dose quotidiana di antiparassitari e schifezze chimiche per far crescere prima e meglio il prodotto.




permalink | inviato da il 12/9/2005 alle 12:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre